mamme oggi / santi, navigatori e poeti

Cullata dal vento

12 Gennaio, 2016

Tag:, , ,

Insonnia e vento forte.
Colpa di una chat dal sapore piccante che mi sono regalata stasera con un’amica.
E forse anche del raffreddore.
Il post di oggi non trovava corpo.
O forma.
Un po’ come la mia vita in questo intervallo di tempo.
Continua a non trovare requie pur nella sua immobilità.
Eventi meritevoli di racconto quasi nessuno.
A parte un cielo davvero strabiliante dall’alba al tramonto e la brioche al pistacchio nella quale ho trovato conforto a colazione.
Prosegue il trend negativo nella prole under 6. Tafferugli. Tranelli. Pianti e urli ad oltranza.
Il gatto è spesso vittima della situazione. Il cane ha imparato la lezione e si tiene lontano dai due barbari in miniatura.
Miss Paturnie non brilla in simpatia. Continua a detestare il suo prof. di storia che la ricambia con lo stesso astio e qualche ignobile 6 per punizione.
In compenso ha scelto la sua scuola e
iniziato il countdown al lancio verso la sua nuova vita da liceale e pittrice neoromantica.
So già che ne vedremo davvero di tutti i colori.

L’amore invece è stato rimandato a data da destinarsi.
Non c’è tempo.
Non c’è voglia.
A volte proprio non c’è.
Come ieri quando mi è caduta addosso mezza cucina, ho rotto due piatti, staccato il tubo dell’acqua, allagato due stanze e passato la mattina a raccogliere vetri, acqua e quella fila di pensieri e parole che avrei voluto dire ma non potevo. Pena il declassamento da cara moglie a classica rompiballe.
Ce ne faremo una ragione.

Nel frattempo ho fatto un patto con Morfeo e stanotte farò sogni belli.
Magari incontrerò il Duca Bianco e annegherò nella sua bicromia mentre canta per me ancora una volta.

E allora, ciao insonnia.
Chiudo gli occhi.
Mi lascio cullare dal vento.
Mai elemento mi fu più caro, stasera.

image

Ciao Duca!

0 likes

Author

Your email address will not be published.